item-thumbnail

Concorso Dirigenti Scolastici, la delusione di chi non ha superato prova scritta. Lettera

inviata da Paola Zambruno – Gentile Orizzonte Scuola anche io sono uno di quelli che come il collega Amodei non ha trovato il suo nome nell’ elenco degli ammessi all”orale e come lui ha lasciato aula quel giovedì mattina consapevole della pessima prova sostenuta.

Come lui ho in comune, oltre lo stesso risultato alla preselettiva 97.40, il grande impegno e credo nella scuola ,almeno fino a ieri. Come il collega ho in comune 20 anni di collaborazione con Ds , referenza plesso funzione strumentale Ptof, Invalsi tutto sulle mie spalle fino a poco mesi fa.

Ore e ore date alla scuola, anni passati senza arrivare mai ad effettuare le ferie spettanti per sostituzione Ds.

Senza dimenticare un master in dirigenza scolastica di secondo livello e un corso di perfezionamento scolastico in dirigenza scolastica e figure di sistema. Ebbene ora mi chiedo a cosa sia servito?

L’amarezza è molta, ma nulla in confronto alla sfiducia nel sistema.

A nessuno importerà, ma la scuola ha fallito, altro che valorizzazione del personale che tra l’altro sarebbe una delle tante competenze dello stesso Ds, solo distruzione del personale.

Come dice il collega, pur congratulandomi con chi ha superata la prova, ora solo minimo sindacale fino alla pensione.

Non è pensabile continuare a selezionare in questo modo.

Concorso Dirigenti Scolastici: prova scritta ha premiato burocrati tecnocratici. Lettera

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: