item-thumbnail

Concorso abilitati, ok a migliaia di docenti solo con laurea. A settembre si decide

di redazione

Il TAR aveva escluso la loro partecipazione, ma gli stessi ricorrenti sono stati adesso ammessi dal Consiglio di Stato al concorso docenti abilitati.

Con varie ordinanze emanate nei giorni scorsi, alcuni docenti ottengono la partecipazione al concorso indetto con DDG n. 85 del 1° febbraio 2018 e riservato ai docenti in possesso di abilitazione.

Docenti solo con laurea ammessi al concorso per abilitati

Si tratta di docenti che vantano solo il possesso della laurea e non hanno il titolo di abilitazione richiesto dal bando. I ricorrenti ritengono che il Miur non abbia organizzato dei corsi finalizzati a conseguire il titolo e partecipare alla procedura concorsuale.

L’ammissione al momento avviene con riserva, perché le prove del concorso sono in fase di svolgimento in tutte le regioni, e si conta di avere i primi risultati già per le immissioni in ruolo dell’a.s. 2018/19.

A settembre poi il Consiglio di Stato deciderà sul merito del ricorso e stabilirà se le richieste dei ricorrenti sono fondate o meno.

Nel frattempo gli Uffici Scolastici, come ad es. la Lombardia, pubblicano gli elenchi dei docenti ammessi a sostenere la prova orale non selettiva del concorso abilitati.

Concorso con 3 anni di servizio e concorso per laureati con 24 CFU in stand by

Nel frattempo il Ministro ha messo in stand by i due concorsi previsti dal Decreto Legislativo n. 59 del 13 aprile 2017, ossia quello riservato ai docenti in possesso di 3 anni di servizio e quello destinato ai laureati che abbiano acquisito i 24 CFU in discipline

antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.  I tempi di realizzione quindi rischiano di allungarsi e i tempi previsti per le immissioni in ruolo di dilatarsi a dismisura. Questo, pensano i ricorrenti, potrebbe propendere verso una risposta affermativa da parte del Consiglio di Stato alla richiesta di stabilizzazione professionale.

Condividi: