Il colpo di grazia al Personale ATA arriva con la circolare sulle supplenze

di Giovanni Calandrino

Un attenta analisi riguardante le NEGATIVE disposizioni in materia di supplenze e incarichi a tempo indeterminato per il PERSONALE ATA, in riferimento alla circolare ministeriale prot. n. 25141 del 10/08/2015.

Un attenta analisi riguardante le NEGATIVE disposizioni in materia di supplenze e incarichi a tempo indeterminato per il PERSONALE ATA, in riferimento alla circolare ministeriale prot. n. 25141 del 10/08/2015.

Innanzitutto chiariamo che nella circolare si fa assoluta proibizione di procedere alle immissioni in ruolo, a causa del passaggio allo Stato del personale soprannumerario dalle province, si ribadisce infatti il divieto ASSOLUTO di procedere alle assunzioni a tempo indeterminato, a pena di nullità, di tutto il personale Amministrativo in riferimento ai commi 422 e successivi dell'art. 1 della legge 190/2014.

Inoltre in attesa della ricollocazione del personale soprannumerario delle province e delle città metropolitane, non sarà possibile procedere al conferimento di supplenze annuali attingendo dalle graduatorie provinciali permanenti e in caso di esaurimento delle predette dagli elenchi e graduatorie provinciali. 

Le nomine su tali posti infatti saranno effettuate con supplenze fino all'avente diritto, utilizzando a tal fine le graduatorie di circolo e di istituto.

Infine si precisa che ai sensi dell'art. 1, comma 332, della legge 190 del 2014, non potranno essere conferite supplenze al:

  1. personale appartenente al profilo professionale di assistente amministrativo, salvo l'ipotesi in cui l'esigenza di sostituzione nasca presso istituzioni scolastiche il cui organico di diritto abbia meno di tre posti;

  2. personale appartenente al profilo di assistente tecnico;

  3. personale appartenente al profilo di collaboratore scolastico, per i primi sette giorni di assenza.

Con l’applicazione di questi provvedimenti, gli effetti sul personale ATA saranno DEVASTANTI!

L’amministrazione centrale sta operando contro l'art. 40 comma 9 della legge 449/97, dove si chiarisce che all'attesa della pubblicazione di nuove graduatorie o ai casi di rinnovo delle stesse e che, pertanto, passato il 31 agosto senza assunzioni in ruolo, i posti vacanti e disponibili, nonché quelli solo disponibili devono essere assegnati con supplenze definitive ai sensi della normativa vigente.

Ulteriormente si avranno effetti annientanti sulla funzionalità dei servizi scolastici e andranno negati i diritti degli aspiranti inseriti nelle graduatorie dei 24 mesi, compresa l'applicazione dell'art. 59 del CCNL e la disciplina assenze per malattia.

Concludo riportando una citazione di Oscar Wilde “Le cose peggiori sono sempre state fatte con le migliori intenzioni”.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi:

Argomenti: