item-thumbnail

Chiediamo un concorso dedicato ai docenti di sostegno specializzati non selettivo. Lettera

di redazione

Inviato da Maria Grazia Guida – Gentilissimi Parlamentari,
siamo docenti abilitati, laureati e specializzati su sostegno per la scuola Primaria e dell’Infanzia.

Siamo ancora una volta a richiamare la vostra attenzione sulla delicata questione della “EMERGENZA INSEGNANTI DI SOSTEGNO IN TUTTA ITALIA”, così come dichiarato sul portale Miuristruzione.it già dallo scorso anno scolastico.
Si è da qualche mese concluso il III Ciclo di Specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità per la scuola Primaria e dell’Infanzia che ha formato, in ogni caso, un numero di docenti di gran lunga inferiore al reale fabbisogno delle istituzioni scolastiche italiane, dove si registrano altresì, graduatorie esaurite.
Già per l’a. s. 2017/2018, si prevedevano 10.000 studenti disabili in più, e questo lo affermava proprio un documento del Miur reperibile sul portale su indicato il quale, evidenziava un numero di alunni con disabilità pari a 234.650, con 38.769 posti in deroga.
A fronte di ciò, siamo a chiedervi di prevedere all’interno del Decreto Dignità in approvazione, una FASE TRANSITORIA PER GLI ABILITATI E SPECIALIZZATI SU SOSTEGNO DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELL’INFANZIA, CHE CONSISTA NELLA PARTECIPAZIONE AD UNA PROCEDURA CONCORSUALE PER SOLI TITOLI E UN COLLOQUIO NON SELETTIVO.
Considerando che:
1) Non vi sono parti contro interessate a tale richiesta;
2) Tanti di noi, pur lavorando a scuola da diversi anni, non riescono a raggiungere i 180 gg in un anno poiché, solo una minima percentuale riesce ad ottenere incarichi annuali che ne consentono il raggiungimento. Tutti gli altri invece, riescono per lo più a ricevere incarichi da seconda fascia ad anno scolastico inoltrato e con contratti che escludono puntualmente festività, ponti e addirittura anche i sabati e le domeniche.
3) Abbiamo superato un concorso altamente selettivo per accedere al corso in oggetto; abbiamo sostenuto esami, frequentato laboratori con tanto di  esame finale, tesi e TIC.
4) Ultimo punto, ma sicuramente il più importante: il DIRITTO DEGLI ALUNNI DISABILI AD AVERE INSEGNANTI QUALIFICATI CHE POSSANO GARANTIRE LORO QUELLA CONTINUITA’ DIDATTICA INDISPENSABILE ALLA LORO SERENA INCLUSIONE SCOLASTICA E SOCIALE.
Siamo certi che valuterete con serietà e coscienza la nostra lecita proposta.
Ci piacerebbe concludere questa lettera con le parole del docente-scrittore Giuseppe Pontiggia:
“ Questi bambini nascono due volte.
Devono imparare a muoversi in un mondo che la prima nascita ha reso più difficile.
La seconda dipende da voi, da quello che saprete dare.
Sono nati due volte e il percorso sarà più tormentato.
Ma alla fine anche per voi sarà una rinascita”.
In questo caso la loro rinascita dipenderà ANCHE DA VOI !
Con osservanza
Gli specializzati del TFA III CICLO INFANZIA E PRIMARIA
Alessandra De Leo, Isabella Schettini, Michela Rech, Maria Grazia Guida, Loredana Menga
Condividi: