item-thumbnail

Carta docente e compatibilità domanda di pensione con quota 100

di Consulente Fiscale

Il bonus sulla carta docente è riservato ai docenti in servizio: chi va in pensione con quota 100 da settembre 2019 quindi, deve spendere l’importo residuo entro il 31 agosto per non perderlo

L’insegnante che va in pensione ha tempo fino ad agosto o comunque fino a fine anno per spendere il bonus 500 euro o il relativo importo residuo sulla carta docente?

Buongiorno ,sono un docente che attende l’esito della domanda di pensione per quota 100,a cui dovrei accedere dal primo settembre 2019.
La domanda e’: la disponibilita’ residua della mia carta docente dell’anno scolastico in corso che non ho utilizzato,la ritrovero’ il 1 settembre 2019 o no?
Grazie per la risposta

Abbiamo già avuto modo di vedere che il bonus caricato sulla carta docente non è compatibile con il pensionamento perché, per usufruirne, è richiesto che il beneficiario sia in servizio. Questa dunque è la regola generale che è bene conoscere per evitare di perdere l’importo ed avere amare sorprese dopo la pensione.

Rispondere al quesito sopra riportato, è un’ occasione utile per chiarire che, questa condicio sine qua non, non trova eccezione neppure nella pensione anticipata quota 100. Per non perdere il bonus residuo sulla carta docente quindi, sarà opportuno spenderlo entro il 31 agosto prossimo.

Se l’insegnante che ci ha scritto sarà collocato in pensione anticipata dal primo settembre (come da domanda inoltrata per la quota 100), perderà il bonus eventualmente residuo a quella data sulla carta.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi:

Argomenti: