item-thumbnail

Carta docente: doppia scadenza al 31 agosto per chi va in pensione

di Consulente Fiscale

Bonus 500 euro nella carta docente; quali somme vanno spese entro il 31 agosto 2019 e il caso particolare di chi va in pensione a settembre

Ho ancora un totale di circa 1000 euro, risultante dalla somma  dei bonus dell’anno 2017/18 e dell’ anno 2018/19, che sono stati anche i miei due ultimi anni di servizio. Visto che a settembre vado in pensione entro il 31 agosto 2019 dovrò spendere solo i primi 500 euro o l’importo totale?

Carta docente: quali somme vanno spese entro il 31 agosto 2019

Come abbiamo avuto modo di chiarire più volte, il bonus docenti erogato relativamente all’anno scolastico 2017/2018 va speso entro e non oltre il 31/8/2019, pena la perdita delle somme residue non spese.

Questo perché il bonus ha validità biennale quindi non si può cumulare per più di un anno.

Ne consegue che le somme del 2018/19 non spese si potranno sommare al bonus del 2019/20, mentre il bonus docenti del 2017/18  va speso entro il prossimo 31 agosto.

Bonus docenti: lo perde chi va in pensione?

Nel caso del lettore però c’è una circostanza particolare. A settembre, infatti, lo stesso andrà in pensione. Nelle istruzioni che illustrano le modalità di utilizzo della carta docenti, viene espressamente chiarito che:La Carta non è più fruibile all’atto della cessazione dal servizio”.

In conclusione anche i restanti 500 euro (relativi all’anno scolastico 2018/2019) in questo caso specifico andranno spesi entro il prossimo 31 agosto.

 

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: