item-thumbnail

Carta docente bonus 500 euro, sospensione dal 1° settembre. Chiarimenti e date accredito

di redazione

C’è fermento tra i docenti per la poca chiarezza con cui il Miur gestisce la comunicazione relativa alla Carta docente bonus 500 euro, in particolare per le somme ancora residue, tuttavia molte indicazioni possono essere desunte dalle info presenti. 

Piattaforma disattivata dal 1° settembre

Al momento l’unica comunicazione presente è pubblicata sul sito http://cartadeldocente.istruzione.it

In essa viene fornita informazione sul fatto che dal 1° settembre la piattaforma sarà disattivata per la gestione del cambio dell’anno scolastico. Il comunicato

Bonus confermato per l’a.s. 2018/19

Questo significa che l’accreditamento di un nuovo bonus è confermato anche per l’a.s. 2018/19. Esso spetta ai docenti di ruolo delle scuole statali, anche neoimmessi o in part time. Sono stati vinti i ricorsi anche per il personale educativo

Somme residue anni scolastici precedenti

Su questo c’è molta confusione, dato l’allarmismo creato da un articolo di Repubblica, mitigato solo dalla smentita da parte del Miur.

Residuo a.s. 2017/18. Il Miur scrive ”

gli importi dei buoni prenotati e non spesi verranno annullati d’ufficio ed attribuiti al residuo dell’anno scolastico 2017/2018.”

Pertanto il residuo dell’a.s. 2017/18 verrà nuovamente attribuito. Non è indicata la data (lo scorso anno fu attribuito a dicembre, dati i tempi tecnici per le verifiche delle spese sostenute e le eventuali decurtazioni da fare).

Residuo a.s. 2016/17 Seppure da normativa (DPCM 28 novembre 2016) la scadenza dovrebbe essere dovrebbe essere dopo due anni, e cioè il 31 agosto 2018, il Miur non ha fatto sapere nulla in merito. Al contrario una risposta del Desk service del servizio Carta docente indica che non c’è data di scadenza per la somma dell’a.s. 2016/17. Leggi

Carta docente 500 euro, somme del 2016/17 non spese non scadono il 31 agosto per le info sulle somme dell’a.s. 2016/17. D’altronde il fatto che non ci sia scadenza non stupisce, dal momento che chi non ha speso tutta la somma dell’a.s. 2015/16 lo scorso anno ha trovato il residuo nel borsellino. In ogni caso ribadiamo che a fronte della normativa che impone la scadenza del 31 agosto, il Miur non ha fatto sapere nulla.

Le date per avere i soldi nel borsellino elettronico

Non sono state comunicate. E’ possibile che si proceda come lo scorso anno scolastico, ossia con l’accredito della nuova somma di 500 euro nel mese di settembre e il riaccreditamento delle somme residue degli anni precedenti solo in una fase successiva. Lo scorso anno si arrivò a dicembre, per le verifiche sulle somme già spese ed eventualmente da decurtare.

Dunque i soldi degli anni precedenti non vanno persi, ma non si sa quando verranno riaccreditati e se l’accredito sarà contestuale alla fornitura della nuova somma per l’a.s. 2018/19

La consulenza sul bonus 500 euro

Presente sulla rubrica http://chiediloalalla.orizzontescuola.it una apposita sezione di consulenza

Per inviare un quesito

[email protected]

Condividi: