item-thumbnail

Caro Stato Italiano difendi i docenti. Lettera

di redazione

Inviato da Mario Bocola – C’è una gravissima emergenza educativa appoggiata da un vortice di spirale di violenza e soprattutto ad un massiccio tentativo di omologazione e di emulazione.

 Proprio l’emulazione che costringe i nostri adolescenti, ignari della pericolosità e li travolge portandoli in un vicolo senza vie di uscita. L’uso spropositato dei nuovi mezzi di comunicazione e della tecnologia può portare a conseguenze serie.

Da qui si genera il male del bullismo verso i pari e nei riguardi dei docenti. Come può un adolescente non rendersi conto dei pericoli che lo circondano e fare le stesse cose che fanno i suoi coetanei. Siamo, purtroppo, in una fase di drammatica emergenza educativa che va a colpire proprio le fasce più deboli e indifese della società, ossia i giovanissimi che, di fronte a gesti estremi manifestano, a volte indifferenza e disprezzo del pericolo incombente.

Occorre, dunque, che gli insegnanti questo tema si confrontino anche con le altre agenzie educative, le aggregazioni e le associazioni sportive purchè se ne discuti e se ne parli ampiamente. Prevenire è meglio che curare e fare in modo che la prevenzione parta dalla scuola e dalla famiglia è fondamentale soprattutto per evitare il formarsi di una spirale di stupida e insana omologazione ed emulazione che porti ad evitare pericolose e tragiche conseguenze.

Non si può in questi casi far finta di niente: è veramente preoccupante assistere a tali fenomeni e vedere sulla rete immagini virali da far tremare i polsi, quali forme di cyberbullismo che vanno condannate per evitare il peggio tra le nuove generazioni. Al peggio non c’è fine ma ora basta: il docente va difeso e messo nelle condizioni di difendersi. Caro Stato italiano lo capisci o no?

Condividi: