item-thumbnail

Tagli agli organici per calo demografico, come evitarli: tempo pieno, aumento docenti e riduzione alunni per classe

di redazione

Tra 10 anni, come riferito, vi sarà un calo della popolazione scolastica, pari a un milione di alunni, e 55mila cattedre in meno. 

Organici, tra 10 anni 55 mila cattedre in meno. Fondazione Agnelli, ci sarà un calo di un milione di studenti

A dirlo un approfondimento della Fondazione Agnelli, a partire dai dati Istat, sull’evoluzione della popolazione scolastica e sulle conseguenze relative agli organici.

La stessa Fondazione, al termine del suo approfondimento, afferma che vi sono due ipotesi percorribili.

La prima ipotesi consiste nell’accettare la riduzione degli organici, dalla quale deriverebbe un risparmio pari 2 miliardi di euro annui:

La seconda ipotesi consiste nel destinare le risorse risparmiate a un aumento della qualità dell’offerta formativa. Alcune ipotesi:

arafforzamento generalizzato della scuola del pomeriggio, con più possibilità di scelta del tempo pieno/prolungato, attività integrative, supporto ai percorsi personalizzati, contrasto all’abbandono.

b. aumento del numero medio di insegnanti per classe, come nel 1990 con l’introduzione del modulo didattico alle elementari, favorendo lo sviluppo di forme di co-progettazione interdisciplinare anche ai gradi superiori.

c. riduzione del numero medio di studenti per classe. Ad esempio, in Francia la «riforma Macron» ne prevede il dimezzamento nelle aree più problematiche (REP+, con un docente ogni 12 alunni).

Decremento popolazione scolastica e organici, lo studio completo della Fondazione Agnelli

Condividi:

Argomenti: