item-thumbnail

Bullismo contro i prof, a Lucca tre studenti iscritti nel registro degli indagati

di Elisabetta Tonni

Forse neanche un regista sarebbe arrivato a tanto: riprendere con più telefonini e con diverse angolazioni, l’ennesima scena di bullismo da parte di alcuni studenti ai danni di un professore. 

E c’è di più. Il professore vittima della strafottenza incontrollata giovanile era già stato minacciato da un ragazzo che aveva ricevuto un brutto voto.

Ancora una volta, la cassa di risonanza della rete diventa il fascino perverso di chi vuole mettersi in mostra, senza preoccuparsi che a fare il giro del mondo sia solo il suo lato peggiore e riprovevole.

Il professore, contro cui si è accanito un gruppo di ragazzi, è un docente di 64 anni che insegna italiano e storia in una scuola di Lucca. Lo scrive MilanoPost.info, riprendendo una notizia pubblicata su La Nazione.

Rispetto ad altri episodi di bullismo, qui c’è anche di peggio: il ‘regista’ delle riprese chiede a una compagna di classe di spostarsi, perché copre l’inquadratura. Ovviamente la richiesta avviene in stile consono a quanto sta facendo. Il protagonista dell’indegno film è un ragazzo che, casco in testa, intima capocciate al professore. Esasperato, il docente chiede di farla finita, mentre altre minacce, bestemmie e risate degli alunni fanno da coro e suggeriscono il finale: svuotare sulla cattedra i centini dei rifiuti.

Il finale è però a danno dei giovani protagonisti. Quattro studenti sono stati segnalati al Tribunale dei Minori e tre di loro si sono ‘conquistati’ l’iscrizione nel registro degli indagati con l’accusa di violenza privata a cui potrebbe aggiungersi quella di stalking se dovesse emergere la premeditazione per umiliare il docente.

I provvedimenti hanno indotto lo studente armato di casco a chiedere scusa al professore. Anche la scuola darà il via all’iter previsto per arrivare a considerare una eventuale azione disciplinare.

Sugli episodi di bullismo che si ripetono con frequenza assidua, si è espressa anche la ex presidente della Camera, Laura Boldrini.

 

Condividi:

Argomenti: