item-thumbnail

Bonus 500 euro, personale educativo non lo riceve per l’a.s. 2016/17

di Nino Sabella

Il Miur con la nota del 20 febbraio 2017 ha fornito indicazioni in merito alla rendicontazione del bonus di 500 per l’a.s. 2015/16.

Bonus 500 euro docenti, Miur non ha ancora chiuso pratiche 2015. Rendicontazione per spese da effettuare entro il 31 agosto 2017

Le modalità di rendicontazione, a prescindere da quando e’ stato percepito il bonus, sono quelle previste dalla nota Miur n. 12228 del 29 agosto 2016. La rendicontazione dovrà avvenire entro il 31 agosto 2017.

Nella nota del 20 febbraio troviamo un paragrafo dedicato al personale educativo.

Ricordiamo che la legge 107/15 prevede che il bonus per la formazione e l’aggiornamento sia erogato solo per il personale docente, il personale educativo però è riuscito ad ottenerlo per l’a.s. 2015/16 per via giudiziaria, come si legge nella nota medesima:

“In esecuzione della sentenza n. 7769 depositata il 6 luglio 2016, con la quale il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, ha accolto il ricorso presentato dalle organizzazioni sindacali, si è proceduto il 25 novembre u.s. ad erogare in favore del personale educativo il bonus formativo riferito all’a.s. 2015/2016”.

Detto personale dovrà rendicontare il bonus secondo le modalità prevista dalla nota del 20 agosto 2016.

Per l’anno scolastico 2016/17, il personale educativo riceverà il bonus? Pare proprio di no, come si evince anche mettendo a confronto, nella nota del 20 febbraio 2017, quanto previsto per il recupero delle somme non spese, non rendicontate correttamente o non ammissibili:

Personale docente

Le predette somme non rendicontate entro il 31 agosto 2017, e le somme non rendicontate correttamente o eventualmente utilizzate per spese inammissibili sono recuperate a valere sulle risorse disponibili sulla Carta con l’erogazione riferita all’anno scolastico successivo.

Personale educativo

“Il suddetto personale, ai sensi della normativa sopra citata, dovrà anch’esso rendicontare la spesa sostenuta con le modalità previste dalla nota MIUR 12228 del 29 agosto 2016, utilizzando esclusivamente i modelli allegati alla suddetta nota (modelli A e B), precisando che le somme non rendicontate entro il 31 agosto 2017, e le somme non rendicontate correttamente o eventualmente utilizzate per spese inammissibili dovranno essere recuperate.”

Per il personale docente, dunque, e’ previsto il recupero a valere sull’erogazione della somma prevista per l’anno scolastico successivo ( non rendiconto la somma del 2015/16, non avrò il bonus per il 2017/18 o lo avrò in parte, se ho speso la somma del 2015/16 solo parzialmente.

Per il personale educativo, invece, leggiamo solo che è previsto il recupero, senza citare il bonus per il prossimo anno. E’ pertanto evidente che il ministero, nonostante le sentenze non abbia intenzione di modificare la norma di riferimento e attribuire il bonus anche al personale educativo.

Avevamo già posto la problematica nell’articolo: Bonus 500 euro, il Miur dimentica ancora una volta il Personale Educativo in cui evidenziavamo che, dopo la sentenza del TAR il suddetto personale aveva proceduto ad ottenere le credenziali SPID per accedere alla piattaforma ministeriale e quindi accedere al bonus per il 2016/17, ma è stato loro negato l’accesso, poiché il Miur non aveva aggiornato la banca dati.

Da quanto suddetto, in conclusione, sembra che il Miur non abbia alcuna intenzione di aggiornare la citata banca dati e procedere al l’erogazione del bonus anche al personale educativo.

nota 20 febbraio 2017

Bonus 500 euro anche al personale educativo: arriva accredito a chi non ha presentato ricorso, da spendere entro il 31 agosto 2017

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi: