item-thumbnail

ATA III fascia: come si viene convocati per supplenze 30 giorni

di Giovanni Calandrino

Una esauriente guida sulle modalità d’interpello e convocazioni degli aspiranti supplenti ATA per contratti pari o superiori ai 30 giorni.

Gli istituti scolastici, interpellano gli aspiranti a supplenze e ne riscontrano la disponibilità o meno ad accettare la proposta di assunzione mediante messaggio di posta elettronica con tutte le informazioni riguardanti la supplenza offerta. Tale messaggio con avviso di ricezione è effettuato con la posta elettronica certificata (PEC) o in assenza di questa con la posta elettronica tradizionale istituzionale o privata (PEL).

L’utilizzo della procedura è prevista per la convocazione di ogni tipologia di supplenza tenendo comunque conto che, per le supplenze pari o superiori a 30 giorni, la proposta di assunzione deve essere trasmessa con un preavviso di almeno 24 ore rispetto al termine utile per la risposta e con ulteriore termine di almeno 24 ore per la presa di servizio.

Il messaggio deve contenere i seguenti elementi:

1. i dati essenziali relativi alla supplenza e cioè la data di inizio, la durata, l’orario complessivo settimanale, distinto con i singoli giorni di impegno;
2. il termine del giorno e l’ora in cui tassativamente deve avvenire la convocazione o pervenire il riscontro;
3. le indicazioni di tutti i tramiti idonei a poter contattare la scuola da parte degli aspiranti.

Nel caso di comunicazione multipla diretta a più aspiranti, il messaggio inoltre deve contenere:

1. l’ordine di graduatoria in cui ciascuno si colloca rispetto agli altri contestualmente convocati;
2. la data in cui sarà assegnata la supplenza di modo che, trascorse 24 ore da tale termine, tutti gli aspiranti che avevano riscontrato positivamente l’ offerta e non sono risultati assegnatari della supplenza possano considerarsi sciolti da ogni vincolo di accettazione.

Ecco l’importanza di controllare ancora una volta che i dati inseriti a sistema siano corretti, infatti tutti i riferimenti di recapito e gli indirizzi di contatto verranno estrapolati dal medesimo modello inoltrato telematicamente alle scuole su istanze on-line.

Tuttavia in caso di malfunzionamento del portale SIDI, le scuole potranno contattare gli aspiranti supplenti con l’uso del mezzo telefonico, sia fisso che mobile. In questo caso l’uso del fonogramma è da registrare agli atti della scuola, con l’indicazione del giorno e dell’ora della comunicazione, del nominativo di chi la effettua e della persona che abbia dato risposta o l’annotazione della mancata risposta.

Importante precisazione sulle proposte di assunzione per supplenze che si preannunciano pari o superiori a trenta giorni, in caso di impossibilità di utilizzazione della funzione SIDI, devono comunque essere effettuate tramite telegramma.

Iscriviti alla newsletter di OrizzonteScuola!

Ricevi ogni sera nella tua casella di posta una e-mail con tutti gli aggiornamenti del network di orizzontescuola.it

Condividi:

Argomenti: