item-thumbnail

ATA, CCNL prevede la creazione di nuove figure che in realtà già ci sono. Lettera

di redazione

Inviato da Maria Giorgi (Ass. Amm.vo ) – Carissimi tutti della redazione di orizzonte scuola, o forse dovrei direi Egr. Sig. Ministro Bussetti,
l’art. 34 del nuovo CCNL del 19/04/2018 del comparto Istruzione e Ricerca prevedeva l’istituzione, entro trenta giorni dalla sottoscrizione del medesimo, di una specifica Commissione paritetica, presso l’ARAN con la partecipazione di una rappresentanza del MIUR, per l’ordinamento professionale del personale ATA, ai fini della creazione di nuove figure professionali.

Ma tali nuove figure professionali esistono già, solo sulla carta: il coordinatore amministrativo, il coordinatore tecnico, il collaboratore dei servizi. Ohimè, siamo ormai arrivati alla fine del mese di luglio e non è ancora stato fatto nulla!

Si continua a parlare di concorso per DSGA, ma al personale assistente amministrativo titolare di seconda posizione economica che tanti giorni dell’anno scolastico si ferma a scuola dalla 07 di mattina alle 07 di sera pur di portare avanti tutto il lavoro amministrativo, pur non avendo fatto alcuna esperienza con incarichi da DSGA, quale possibilità viene data per progredire nella propria carriera? Perché, anziché continuare ad offrire incarichi annuali non si pensa a un corso di formazione con un anno di tirocinio per tale personale per passare al livello superiore, che peraltro sarebbe comunque in grado di svolgere?

Il tempo passa inesorabilmente senza che nessuno pensi realmente ai nostri bisogni, e noi restiamo sempre fermi al palo, con il nostro misero stipendio.

Condividi: