item-thumbnail

Antenne elettromagnetiche troppo vicine alle scuole. Genitori: sciopero a settembre

di redazione

La scuola che riprende a settembre è già a rischio sciopero. A stare sul piede di guerra questa volta non è il personale scolastico, ma i genitori di bambini di due istituti scolastici romani che temono per la salute dei piccoli.

Il parere del Tar

Il pericolo deriverebbe da alcune antenne elettromagnetiche installate a 20 metri dal plesso scolastico nel quartiere romano Prati – Trionfale. Il Tar Lazio a cui si erano rivolti i genitori ha dato loro ragione con una sentenza immediatamente esecutiva.

Il parere dei giudici amministrativi arrivato nello scorso giugno non ha sortito effetto alcuno e le antenne sono rimaste al loro posto. Da qui la decisione/minaccia di far scioperare gli alunni con l’obiettivo di richiamare l’attenzione e le responsabilità della sindaca Raggi.

Regolamento comunale

Come ricorda Ansa.it, un regolamento comunale vieta l’installazione di antenne elettromagnetiche a meno di 100 metri da ospedali, scuole e punti sensibili. Le antenne fuorono poste alcuni anni fa a pochi metri dalla scuola materna ed elementare e dal liceo. Nelle vicinanze c’è anche un’altra scuola materna ed elementare con l’annesso oratorio ed una casa di cura.

Se il 12 settembre le antenne saranno ancora accese i legali dei genitori si dicono pronti a portare la sindaca in tribunale per il mancato esercizio dei suoi doveri. “E’ inaccettabile che una volta riconosciuto che l’autorizzazione all’installazione delle antenne non doveva essere concessa – affermano i legali dei genitori – al Comune nessuno si voglia assumere la responsabilità di porre rimedio a questo errore“.

Condividi:

Argomenti: